Realizzata dai volontari della Pro loco un’ app per fare conoscere gli otto siti culturali del paese

È stata attivata solo qualche giorno fa, ma ha già fatto registrare diverse centinaia di visitatori. Stiamo parlando della nuova App ideata dalla Pro Loco di San Michele di Ganzaria che, attraverso una nota piattaforma informatica, ha realizzato questo strumento per promuovere il territorio e soprattutto per far conoscere la magnificenza dei beni archeologici, storici e artistici custoditi nel piccolo centro calatino. Questo programma, dotato sia di cartine topografiche che di audio guide, mette in vetrina le otto bellezze di San Michele: il Castello dei Gravina, il Museo della Ganzaria, la fontana di piazza Garibaldi, la "Casa del Contadino", la Matrice San Michele Arcangelo e le chiese del Monte e di San Giuseppe. Ad ognuna di queste attrazioni corrisponde un apposito link, su cui cliccando l'internauta può leggerne la storia, ammirarne le foto e al contempo localizzarlo, per raggiungerlo con facilità. L'App in questione, che ha guide in lingua inglese, francese e tedesco, è facilmente consultabile con tablet, smartphone e computer ed è il frutto di studi e ricerche condotte in questi mesi dai volontari (Floriana Giongrandi, Gabriele Guccione e Thomas Dimartino) che prestano servizio presso la Pro Loco. «Questo servizio - spiega il presidente dell' associazione di promozione turistica, Giovanni Scirè - è rivolto ai viaggiatori e a quei nostalgici sammichelesi che sono sparsi in tutto il mondo. Inoltre, può essere un utile strumento didattico per far avvicinare le nuove generazioni alle origini del proprio paese».

Martino Geraci